Facebook Pixel
Home /Eventi/Film/Nihilistic connection

Nihilistic connection

Nihilistic connection da MERCOLEDÌ 03/05 a MERCOLEDÌ 24/05 2023

𝐍𝐒𝐑𝐒π₯𝐒𝐬𝐭𝐒𝐜 𝐜𝐨𝐧𝐧𝐞𝐜𝐭𝐒𝐨𝐧:
Si puΓ² forse dare per pacificamente accettato che \”Amore Tossico\” di Claudio Caligari costituisca una plaque tournante della cinematografia italiana nella rappresentazione filmica dell\’intersezione tra \’disagio della civiltΓ \’ e ricerca scomposta dell\’alterazione chimica: un particolare stato di grazia tiene in bilico le sue sequenze tra restituzione finzionale e riuscita documentaristica. Ma questo combinato disposto naturalmente non atterra come un corpo estraneo nel territorio visivo dello spettatore stralunato di inizio anni \’80: il suo Γ¨ uno sguardo preparato e pettinato da esperimenti ibridi che attraversano il documentario e il drug-movie lisergico, tra presa diretta e messa in scena (con il grottesco che puΓ² occhieggiare da dietro l\’angolo). Connessioni nichilistiche tra soggetti erosi dalla frana sgranata degli anni \’70.

βœ”οΈŽΒ πŸ‘ πŒπ€π†π†πˆπŽ
\”𝙉𝙀𝙣 π™˜π™€π™£π™©π™–π™©π™š 𝙨π™ͺ π™™π™ž π™£π™€π™ž\” di Sergio Nuti, 1978, 105 min, Italia.
Nel brutalismo architettonico ed esistenziale di una Primavalle preterintenzionalmente metafisica, si consumano le giornate di un borghese e di un\’eroinomane. Il desiderio controculturale e ambiziosamente postcapitalista del \’68 e del \’77 Γ¨ qui giΓ  metamorfizzato in pulsione di morte, ma quest\’opera unica del montatore Sergio Nuti sorvola su questo aspetto e lo sottovaluta allegramente, quasi con il medesimo smarrimento dei suoi stessi antieroi. Autoprodotto, sfibrato e sgranato.
>> > A seguire: selezioni di π™π™§π™šπ™™ π˜Ύπ™–π™©π™©π™žπ™«π™€π™œπ™ͺ𝙨𝙩𝙀

βœ”οΈŽΒ πŸπŸŽ πŒπ€π†π†πˆπŽ
\”π˜Όπ™£π™£π™–\” di Alberto Grifi e Massimo Sarchielli, 1975, 225 min, Italia.
\”Non ho sedici anni, ho duecentosedici anni\”. Lo dice Anna – adolescente incinta e senza fissa dimora, raccattata a Piazza Navona dai due registi -, con una voce cavernosa che attinge direttamente alle sorgenti dell\’ucronia dell\’essere. E con l\’essenza piΓΉ profonda dell\’esistenza questa pellicola Γ¨ in un contatto diretto e ambiguo: ambisce a registrare la molteplicitΓ  del divenire e sfugge dalle mani di tutti, dei registi in primis, che non ne dosano durata, taglio e sviluppo narrativo, rimanendo travolti e superati dal loro stesso iniziale sguardo pseudopaternalistico. Un film che travalica sΓ© stesso e l\’idea stessa di cinema-veritΓ , se non di cinema tout court.
>>> A seguire: selezioni di π™‘π™žπ™˜ π™Žπ™žπ™£π™šπ™­

βœ”οΈŽΒ πŸπŸ• πŒπ€π†π†πˆπŽ
\”π™‹π™šπ™§π™˜π™Γ© π™¨π™ž π™ͺπ™˜π™˜π™žπ™™π™€π™£π™€ (𝙑𝙖 π™’π™šπ™§π™™π™š)\” di Mauro Macario, 1976, 94 min, Italia.
Temporaneo trasferimento del tema droghereccio in cornice borghese, con spruzzata di queer e virate nell\’horror e nel grottesco (colonna sonora dei Goblin, qui sotto il moniker di Reale impero britannico). Fallito l\’intento di denuncia sociopolitica, Macario individua invece il luogo geometrico in cui la confezione da docufiction psichedelica e nichilistica puΓ² svelare da ultimo una gustosa anima da telenovela messicana.
>>> A seguire: selezioni del sor 𝙋𝙖π™₯π™–π™˜π™˜π™ž.

βœ”οΈŽΒ πŸπŸ’ πŒπ€π†π†πˆπŽ
\”π™‘π™žπ™–π™œπ™œπ™žπ™– π™§π™–π™œπ™–π™―π™―π™– π™«π™žπ™–π™œπ™œπ™žπ™–, π™π™–π™ž 𝙑𝙖 𝙒π™ͺπ™¨π™žπ™˜π™– π™£π™šπ™‘π™‘π™š π™«π™šπ™£π™š\” di Pasquale Squitieri, 1974, 93 min, Italia.
Moglie abbandonata dal marito va alla ricerca di lui e trova l\’eroina. Perturbante e potentissima narrazione che va al di lΓ  dell\’idea stessa di nichilismo, potenziata in questo dalla stravaganza del montaggio (da correlare a intenti censori) e dalla complessiva povertΓ  produttiva dell\’operazione. Una volta iniettati all\’interno di una struttura drammaturgica amorfa e sbandata i due stranianti – e struggentemente metacinematografici – camei di De Sica e Trieste, Squitieri mette a segno un\’opera crudamente eccentrica e totale, in cui l\’afa torbida delle perversione ha la temperatura della camera di un obitorio.
>>> A seguire: selezioni del π™‚π™–π™’π™—π™šπ™§π™€π™£π™š
———————————————————
Rassegna pensata da Claudia Bonsi
Apertura h 21.00
Proiezione h 21.30
A seguire musichette selezionate dagli amici snob
ingresso con Tessera ARCI

Trenta formiche

Trenta formiche

associazione culturale arci

 Via del Mandrione, 3, 00176 Roma RM
Telefono+39 06 27858407
Emailinfo@30formiche.it

Eventi del mese al Pigneto

< Giugno 2023 >
Lu
Ma
Me
Gi
Ve
Sa
Do
26
27
29
30
Facebook

ALTRI EVENTI IN ARRIVO @ TRENTA FORMICHE

EVENTI PASSATI @ TRENTA FORMICHE

TI POSSONO INTERESSARE:

Bar
Braccio da Montone Bar
aperitivi e notti folli
Spazi/Associazioni
Pianeta sonoro
Spazio sociale e Scuola di musica e arti
Club
Ellington Club
permanent live dinner club
Club
Fanfulla 5/a
circolo ARCI
Club
Klang
community of dreamers
Club
Sweet Bunch
beer&wine cocktail sala da tè
Cocktail Bar
Too Much
wine bar
Club
Bar Braccio da Montone Bar Braccio da Montone Bar Braccio da Montone