30-05

Artist’s Book
I Fondamenti del Quotidiano
Cibo. Doom Yoga. Fachirismo.

Intervista in diretta Instagram a Marzia Avallone e Noema Pasquali a cura di Marta Gabrieli sulla pagina Instagram @ uroborobookshop

—————————————————————————

“Il 30 Maggio ci sarebbe stata la presentazione del libro
“I Fondamenti del Quotidiano. Cibo. Doom Yoga. Fachirismo” di Marzia Avallone nato in collaborazione con l’artista Noema Pasquali.
Entrambe le artiste sarebbero state nostre ospiti presso la libreria Uroboro .
Marzia ci avrebbe raccontato il suo progetto e illustrato il percorso di realizzazione del libro, con la possibilità di visionarlo e acquistarlo; Noema ci avrebbe raccontato il suo percorso artistico e personale legato alle tre pratiche quotidiane delineate nel libro e ci avrebbe omaggiato della performance inedita: “Puja”.

Data l’ emergenza sanitaria non è stato possibile, ma abbiamo deciso di creare un evento nella stessa data, con i mezzi che abbiamo a disposizione.
Sabato 30 maggio alle ore 18:00 ci sarà una diretta streaming sulla pagina Instagram uroborobookshop con Marzia Avallone e Noema Pasquali.
Una chiacchierata, una pillola anticipatoria di quello che sarà l’evento vero e proprio che ci auspichiamo riuscire a svolgere non appena ci saranno le condizioni adatte .”

Marta Gabrieli

—————————————————————————

“Dagli anni ’60/’70 in poi la pratica artistica era strettamente collegata ai movimenti di contestazione, all’affermazione di filosofie, di teorie culturali e psicoanalitiche, a pratiche orientali che basano il proprio fare sul principio di concentrazione e sul controllo corporeo.
Non bisogna scindere la corporeità dai processi di cambiamento storico e sociale nè, tantomeno, dagli effetti che questi cambiamenti apportano nel quotidiano, in cui le correnti sperimentali artistiche si collocano.

Nel 2017 a Berlino ho instaurato un confronto con Noema Pasquali, performer italiana di body art estrema. Il confronto è nato da una mia esigenza di conoscere e scrutare la persona che vive dietro la performer, arrivando ad osservarla e seguirla anche nel privato per giungere a delineare aspetti della sua persona diametralmente opposti.
Noema è una piercer, una extreme body artist, prima fachira italiana, un’insegnante di yoga kundalini e una terapeuta. Professioni apparentemente incompatibili, ma che identificano, invece, un unico soggetto. Alla luce di ciò bisognava cercare un collante che fungesse da trait d’union fra le varie declinazioni della sua persona. Il collante l’ho trovato nel quotidiano. Ho iniziato così a porre attenzione alla quotidianità, a tutti quelli aspetti e pratiche che forgiano, completano e scandiscono le giornate di ognuno come di Noema.
Partendo da questo assunto nasce il libro d’artista: “I Fondamenti del Quotidiano. Cibo. Doom Yoga. Fachirismo.”

Il libro è tripartito e (s)vincolato. La sezione dedicata al Cibo pone l’accento sul binomio cibo/chakra. Una sezione lavorata vettorialmente vede Noema soggetto che esegue alcune posizioni; corrispondono ai 7 colori dei chakra, i principali centri di energia sollecitati dalla cromoterapia. Ad ogni chakra corrisponde il cibo dal colore equivalente e dalle proprietà benefiche per l’apertura dello stesso.

La sezione Doom Yoga include l’intervista a Noema in cui si spiega dove, come, quando e perché è nato il doom yoga, cosa significa, che posizione occupa nella sua vita e come scandisce le sue giornate. La sezione, sempre in vettoriale, è pensata come una sequenza in cui viene delineato il “Surya Namaskara – Saluto al Sole”, la pratica yoga più conosciuta.

L’ultima sezione è dedicata al Fachirismo. Non si distanzia come struttura dalle altre: Noema ci racconta come l’ha conosciuto e quando ha deciso dovesse far parte della sua vita come prassi artistica. Un poster, da un lato l’intervista e dall’altro fotografie con QR Code al quale è collegato un link video di una pratica di fachirismo che Noema trasla nelle sue performance.

“I Fondamenti del Quotidiano. Cibo. Doom Yoga. Fachirismo.” è il primo risultato nato dal confronto con un artista di cui condivido alcune pratiche. L’idea di materializzare l’esperienza in un libro d’artista nasce soprattutto dalle possibilità materiali che il libro detiene, possibilità che fanno capo a tutti e 5 i sensi. La rottura del divieto di non toccare l’opera d’arte su cui parte della tradizione artistica si fonda, il libro, al contrario, è un oggetto tascabile, circolabile, intimo, violabile, un oggetto -appunto- quotidiano”

Marzia Avallone

—————————————————————————

Biografia Marzia Avallone:

Body Artist, a®ttivista, ricercatrice e ideatrice di processi culturali e artistici.
Pratica Yoga Kundalini, aspirante Master Reiki. Ideatrice del format META – doMEstic culTural contAct. Format domestico che si compone di due momenti: talk con diverse figure professionali + cena conviviale che struttura con la biologa – nutrizionista Elisa Brighenti.
Il format lo dirige insieme a Leonardo Mastromauro, ricercatore e appassionato di filosofia politica. Da un anno lavora con la curatrice indipendente Mariolina Catani alla struttura di un
ambizioso progetto che prevede la realizzazione di un incubatore ibrido culturale. Progetto candidato e selezionato alla call CoopUpBo – 2019, di cui la designer multidisciplinare Anita
Sofia Manganelli è stata parte integrata di esso.
Dopo aver conseguito la laurea al corso di primo livello in Arti Visive presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna e aver preso la specialista allo IUAV a Venezia, la sua formazione si è
consolidata anche oltre oceano. Nel 2015, presso la Universidad Nacional de Colombia, frequenta due corsi di Performign Arts con Sofjia Mejia Arias e Zoitsa Noriega.
Negli anni partecipa a diverse collettive, tra cui il Premio Zucchelli, di cui vince la borsa di studio, e la 99ma Collettiva Giovani Artisti (Fondazione Bevilacqua la Masa), presso la Galleria di San Marco a Venezia.
La sua prima personale si tiene a Bologna nel 2017 presso lo spazio espositivo Adiacenze:
“In Carne Sancti. Il chiasmo degli sguardi”, curata da Mariolina Catani.
Diversi sono stati i workshops, seminari o talk, presieduti da figure professionali specifiche, che hanno arricchito la sua vocazione professionale quanto esperienziale: da esponenti di
filosofia politica internazionale a pionieri dell’arte relazionale, da artisti delle avanguardie storiche a terapeuti, da esponenti dei movimenti underground a musicisti.
Anima itinerante, attualmente vive e lavora a Bologna.

—————————————————————————

Biografia Noema Pasquali:

Noema Pasquali (Rieti, 1978) conosciuta anche con lo pseudonimo Tiger Orchid, e’un artista internazionale attiva da 20 anni in ambiti come Fakirismo, Body Art, Body Suspension e Body Piercing. Noema intraprende il proprio percorso artistico contemporaneamente al percorso da Yogi, quando a 20 anni inizia a studiare Kundalini Yoga e parallelamente si dedica al Fakirismo, e’ considerata la prima donna italiana fakiro, ed una delle prime in Europa. Mente creativa che ha saputo portare le tecniche del Fakirismo non solo nei Freak Shows o nei suoi ironici Fuckiresque, ma soprattutto e’ riuscita a craere performance spesso oniriche in cui unisce la Body Art con Rituali, Narrazioni Mitologiche, Archetipi, Esoterismo, Simbolismo. Laureata in Scienze Politiche, appassionata di Semiotica, Antropologia e Filosofia, Noema vive a Berlino dove si dedica al Healing ed insegna Yoga, il suo lavoro e’ stato discusso in testi antropologici e di arte contemporanea.